ALATRI – 04 APR – Ha preso soldi contanti e oggetti in oro dalla cassaforte e li ha ceduti ad un suo amico in difficoltà economiche. Ma ha tenuto il tutto nascosto al marito arrivando, addirittura, a simulare di essere stata derubata.

     E l’accusa a carico di una donna di 46enne che risiede in un paese del nord della Ciociaria, denunciata dai carabinieri della Compagnia di Alatri per simulazione di reato.

     Le indagini sono partite in seguito ad una denuncia presentata dal marito della donna.

 L’uomo, un operaio 49enne, si è presentato mercoledì in Caserma: ha raccontato di essere uscito la mattina presto per andare a lavoro. Dopo aver fatto rientro nel pomeriggio a casa aveva trovavo la propria consorte ancora a letto che lamentava torpore e stordimento mentre  dalla cassaforte, che era aperta, erano stati  presi  soldi ed oggetti per un valore di circa 20 mila euro.

     Avviate le indagini è emerso subito qualcosa di strano: secondo i carabinieri, diretti dal tenente Vittorio De Lisa, vi erano numerose incongruenze  tra la  denuncia ed i riscontri emersi in sede di sopralluogo, nel quale ad esempio era stata riscontrata la totale assenza di segni di  effrazioni.

     Alla fine la donna ha ammesso di essersi impossessata del denaro e dei monili in oro e  di averli spontaneamente consegnati, in tempi diversi ed a insaputa del marito, a un suo amico che si trova in difficoltà economiche:  per giustificare l’ammanco  aveva simulato il furto ed il malore.