ALATRI – 09 FEB – Arrestato in flagranza di reato per estorsione sulla sorella: la vicenda è avvenuta ad Alatri ed ha richiesto l’intervento dei carabinieri. A chiamarli è stata la donna, stanca di continue vessazioni, subite tra le mura domestiche, dato che il fratello vive nella sua stessa casa, insieme al resto della famiglia: di fronte a quella aggressione, violenta, ha composto il 112, chiedendo ai militari del tenente Vittorio De Lisa di intervenire subito.

Quando i carabinieri sono arrivati sul posto, la donna ha raccontato di essere stata minacciata e aggredita dal fratello, che l’aveva costretta a consegnargli le chiavi della sua macchina.

L’uomo, 37 anni, era già conosciuto e le indicazioni fornite dalla donna hanno permesso ai militari di rintracciarlo poco distante da casa. Con l’auto della sorella stava girovagando senza meta in città: i carabinieri lo hanno quindi bloccato ed arrestato, restituendo la vettura alla donna.

L’autorità giudiziaria ha disposto che venisse portato in carcere a Frosinone.

I carabinieri hanno voluto sottolineare quanto sia importante denunciare: la chiamata immediata ha infatti permesso di arrivare all’arresto in flagranza di reato. E la sorella si è resa conto che solo con quella chiamata poteva in qualche modo sperare di aiutare il fratello a cambiare e ad abbandonare quegli atteggiamenti violenti.