ANAGNI – 01 DIC – Giustizia privata, ma nei confronti di un bambino da parte di due adulti, due genitori, due mamme.
E’ quanto successo in una scuola di Anagni i cui riferimenti restano segreti per questioni di privacy in quanto stiamo parlando di minori.
I carabinieri hanno ricevuto una denuncia: due donne avevano picchiato un bambino, il figlio del denunciante, mentre questo si trovava in classe. In pratica le due sarebbero entrate a scuola, eludendo ogni tipo di controllo e sicurezza, dirette nell’aula dove si trovava il bambino. Per lui, schiaffi, minacce ed insulti, davanti a tutta la classe. Perché quella violenza? Perché il giorno prima il bambino aveva alzato le mani su una sua compagna di classe, figlia di una delle due donne entrate a farsi giustizia da sole.
I genitori del bambino picchiato hanno sporto denuncia ed interessato del caso i carabinieri che ora dovranno accertare l’esatta dinamica dell’accaduto. Una storia di becera violenza, ma anche di mancata sicurezza che espone i piccoli studenti a pericoli del genere, come questa che sarebbe una storia di giustizia privata, ma nei confronti di un bambino.