In giro con una jaguar rubata e con una carta di circolazione falsa rubata, insieme ad altre, in Sicilia: è stato fermato dagli agenti della polizia stradale di Cassino in servizio sull’a1 e denunciato. È accusato di ricettazione e uso di atto falso con contraffazione di sigilli di Stato. L’uomo, un 30enne ucraino, è stato fermato nella serata di martedì nel tratto di competenza della polstrada, all’altezza del comune di Mignano Montelungo, al chilometro 686 dell’autostrada del sole. Viaggiava verso Napoli.

Il conducente vive ad Aversa ed ha mostrato ai poliziotti la richiesta di rinnovo di permesso di soggiorno ed una patente di guida rilasciata dalle autorità ucraine.

Controllando però la documentazione dell’auto, i poliziotti hanno notato che il numero meccanografico della carta di circolazione  era stata alterato, modificando una lettera.

Inoltre, sullo stesso documento, i numeri di targa erano invertiti:  il numero di telaio sulla carta di circolazione era quindi diverso rispetto a quello che effettivamente era sul veicolo.

Si è proceduto così ad un controllo in banca dati, da cui è emerso che quella macchina era stata rubata: per ottenere i documenti, era stata utilizzata una carta di circolazione facente parte di uno  “stock” che era stato rubato, in bianco, alla motorizzazione di Enna.

Per il  30enne è scattata quindi la denuncia.