FERENTINO – 28 FEB – Un arresto che scatena un vero e proprio putiferio su Facebook, da cui scattano altre indagini e quindici denunce. Una storia che arriva da Ferentino e che vede protagonisti i carabinieri della stazione cittadina, coordinati dal capitano Camillo Meo e dal maresciallo Raffaele Alborino.

Questa la ricostruzione dei fatti: nei giorni scorsi i carabinieri hanno arrestato un minorenne per reati inerenti gli stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale. Il ragazzo non appena tornato a casa ha scritto un post su Facebook relativo al suo arresto. Quel post ha riscosso molto successo tra gli amici del ragazzo, che hanno rincarato la dose con commenti particolarmente pesanti. Come riportato dagli stessi militari, ci sono state frasi che parlavano di un assalto alla caserma di Ferentino, offese personali al comandante Alborino e alle istituzioni.

Alla fine delle indagini i carabinieri sono riusciti ad identificare 15 persone, tutte quelle che avevano partecipato ai commenti. Tra loro non solo giovanissimi. E li hanno denunciati.

I reati contestati sono quelli di vilipendio alle Forze Armate, istigazione a delinquere, ingiuria e minaccia in concorso.