FORMIA/LATINA – 24 GEN – Doppia operazione antiprostituzione dei carabinieri in provincia di Latina, le due attività dei militari, distinte e separate tra loro, si sono concentrate sulle città di Formia e Sabaudia ed hanno portato rispettivamente a tre denunce e due arresti.

Partiamo da Formia, dove i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia cittadina, hanno fatto scattare le loro indagini dalle pagine dei quotidiani locali e provinciali. Sono partite infatti proprio da questo tipo di inserzioni i controlli dei carabinieri, all’interno di una attività investigativa tesa a reprimere il fenomeno della prostituzione.

Al termine delle indagini, i carabinieri hanno individuato un appartamento nel centro di Formia, dove una cittadina cinese si prostituiva e da qui sono risaliti ai presunti sfruttatori. Si tratta di tre cittadini cinesi, un 45enne residente a Roma, un 32enne residente a Bari ed un 31enne residente a Reggio Emilia: secondo i carabinieri i tre hanno affittato l’appartamento alla ragazza, traendo vantaggio economico dalle prestazioni della 31enne, anche lei cinese.

A Sabaudia invece, l’operazione è stata condotta dai carabinieri della stazione cittadina, che hanno arrestato due cittadini rumeni. Secondo i militari, i due rumeni favoreggiavano e sfruttavano economicamente, la prostituzione di due loro connazionali di 19 e 34 anni. Le due, secondo le accuse dei carabinieri, venivano lasciate ogni giorno lungo le vie dell’amore nel territorio di Sabaudia e lì fatte prostituire. Per i due romeni si sono aperte le porte del carcere di Latina.