FROSINONE – 30 MAR – Ancora nessuna traccia del ragazzo di 25 anni di Pofi che all’alba di ieri ha ridotto in fin di vita Eugenio Calamari, 18 anni, di Paliano sferrandogli due coltellate nella pancia.
E’ accaduto intorno alle 5 di ieri mattina, al culmine di una lite esplosa sulla Monti Lepini, all’uscita di Frosinone, a pochi passi dal Mc Donald che si trova sulla via per Latina.

Il 18enne ieri ha riportato lesioni molto serie al fegato, al pancreas e all’intestino, provocate da un coltello dalla lama particolarmente lunga. E’ stato sottoposto ad un lungo intervento chirurgico nello Spaziani di Frosinone: le sue condizioni in mattinata risultavano stazionarie. I medici mantengono riservata la prognosi: la scioglieranno solo dopo che saranno trascorse 48 ore dall’intervento.

In ospedale, accanto al ragazzo, c’è la mamma, Maria Grazia, che è capo sala nell’Ospedale di Colleferro e consigliera comunale in città.
Delle indagini si occupano i carabinieri. Già ieri mattina hanno ascoltato alcuni degli amici che erano con Eugenio. E’ emerso che tra lui e l’accoltellatore si sarebbe accesa una discussione per una parola di troppo detta ad una ragazza.

Il suo aggressore è scappato, in macchina. I carabinieri hanno già un nome: quello di un 25enne di Pofi, senza precedenti penali. Sono andati a cercarlo nella sua abitazione Concentrano le ricerche nell’area tra Frosinone e Roma. A suo carico c’è l’accusa di tentato omicidio.