FROSINONE/LATINA – 15 GIU – Una truffa da 25 mila euro: l’ha messa a segno secondo la polizia un promotore di Fondi che lavorava per una compagnia telefonica. Ed è il caso di usare l’imperfetto perché la compagnia in questione lo ha licenziato.
L’operazione è nata dalla denuncia di un imprenditore che ha stipulato un contratto per due utenze telefoniche e due iphone, ma si è ritrovato a pagare solo il primo mese 4mila euro. Il promotore lo ha rassicurato, parlandogli di un mero errore, ma il mese successivo ne ha pagati 5mila. Tutto questo perché, ha ricostruito la polizia, risultavano a suo nome contratti per 30 utenze, con la consegna di 28 smartphone. L’uomo, al termine delle indagini, è stato denunciato per sostituzione di persona, falsità in scrittura privata e truffa, ma soprattutto è stato licenziato.

A Frosinone la sicurezza sulle strade è l’obiettivo della polizia, che ha rafforzato i servizi di vigilanza sulle principali arterie. 442 le persone identificate, 340 i veicoli controllati, 34 le contravvenzioni elevate e 3 i veicoli sequestrati. Nell’ambito di questo servizio tre persone, due cittadini italiani ed un cittadino di origine albanese, sono stati denunciati rispettivamente per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, inosservanza di un foglio di via ed uso di atto falso.
Guida sotto l’effetto di alcool è invece la motivazione che ha fatto scattare una denuncia per una ragazza di 24 anni di Fondi, fermata dai carabinieri in evidente stato di alterazione.

Momenti di panico all’interno di una struttura sanitaria del cassinate dove uno dei degenti, con problemi psichici, ha aggredito con una sedia un altro paziente, di 79 anni, procurandogli diverse ferite. Ora l’aggressore, 33 anni, è stato arrestato per tentato omicidio.