LATINA – Un avvertimento con tanto di proiettili: tre i bossoli che sono stati attaccati, venerdì sera, con del na-stro adesivo agli specchietti retrovisori di altrettanti mezzi dell’associazione “Croce Italia dializzati onlus” di La-tina. I Mezzi, dei mini-bus, servono per il trasporto dei dializzati in ospedale.
I mini bus si trovavano all’uscita da un corso per la patente Kb presso un’autoscuola in via San Carlo da Sezze, nel capoluogo pontino.
Ad accorgersi di quei tre proiettili, di calibro 12, sono stati gli autisti dell’associazione all’uscita dalla scuola guida. Subito è partita la chiamata del 113. Le indagini sono affidate la Polizia: i proiettili sono stati subito analizzati in laboratorio.
Allo stesso tempo gli inquirenti hanno ascoltato i responsabili dell’associazione. Il titolare ha raccontato agli agenti della Squadra Mobile di non aver ricevuto minacce o richieste di denaro.
Al momento gli inquirenti, sulla base degli elementi raccolti, escludono che si possa trattare di un epi-sodio di criminalità organizzata. Anche perché le cartucce ritrovate sono di un fucile da caccia e facilmente reperibili sul mercato.
Le indagini, pertanto, si stanno soffermando anche sull’attività svolta dall’azienda
Un concreto aiuto potrebbe giungere anche dalle videocamere a circuito chiuso presenti nella zona.
Nelle prossime ore verranno analizzate nella speranza che abbiano immortalato chi ha posizionato quei tre bossoli sui mini bus dell’Associazione.