E’ solo un dubbio, una delle ipotesi al vaglio: ma ogni volta che si pronuncia questa parola, si rischia di scatenare il caos. Sospetta meningite. Una insegnante di Roccasecca è morta lunedì mattina nel reparto di rianimazione dell’ospedale Santa Scolastica di Cassino: a scopo cautelativo, in attesa che gli esami confermino o smentiscano questa diagnosi, la Asl ha chiesto ai bambini dell’asilo di Rocca D’Arce e ai loro genitori, di eseguire la profilassi prevista in questi casi, come vuole la prassi per le persone entrate a diretto contatto con il paziente. La donna infatti, la tanto amata maestra Marina, 52 anni, insegnava in quell’asilo. E le autorità si sono subito messe in moto per informare i genitori ed evitare allarmismi.

Dal dipartimento prevenzione della Asl spiegano che non vi è certezza sulle cause della morte: la signora era arrivata in ospedale il giorno prima e le sue condizioni erano subito precipitate. Se da una parte alcuni sintomi hanno fatto sorgere il sospetto che potesse trattarsi di meningite, dall’altra ce ne sono altri che fanno pensare ad altre cause. La donna per esempio non aveva febbre alta o mal di testa. Ora saranno gli esami a chiarire ogni dubbio. Ma ci vorranno almeno 48 ore. Intanto il sindaco di Rocca D’Arce invita alla calma, spiegando che tutto il protocollo è stato seguito.