SANT’ELIA – 06 MAR – Le operazioni di rimozione della cisterna carica di Gpl sulla superstrada Cassino- Sora, andate avanti per tutta la notte, sono terminate mercoledì mattina alle ore 7. Le operazioni di travaso sono state svolte dal personale dei vigili del Fuoco del Comando di Frosinone e dei Comandi di Roma e L’Aquila.La cisterna, martedì pomeriggio, era finita di traverso all’altezza di Sant’Elia Fiumerapido. La superstrada era stata chiusa nel tratto compreso tra Sant’Elia e Belmonte castello.   Sul posto avevano operato i vigili del Fuoco di Cassino, i carabinieri  della compagnia di Cassino e la polizia municipale di Sant’Elia.

Ma che cosa era accaduto? Secondo la ricostruzione eseguita dai militari, coordinati dal capitano Ivan Mastromanno, la cisterna, che si trovava nella piazzola di un distributore, si è sfrenata andando ad invadere tutta la carreggiata della superstrada e la motrice è finita in un fossato al margine della carreggiata rimanendo incastrata: fortunatamente in quel momento non transitava alcun altro mezzo.

Terminate le operazioni di travaso e di messa in sicurezza del mezzo in mattinata quel tratto della superstrada Cassino – Sora è stato riaperto.