SORA – 30 GEN – Non sono emersi collegamenti tra l’omicidio di Gilberta Palleschi, la professoressa di Sora scomparsa lo scorso primo novembre e ritrovata morta quaranta giorni dopo in un dirupo a Campoli Appennino, e quello di Serena Mollicone, la studentessa di Arce scomparsa il primo giugno 2001 e ritrovata uccisa dopo due giorni in un boschetto di Anitrella.
Lo si apprende dalla procura di Cassino dopo gli accertamenti svolti dai Ris di Roma.
I militari del reparto investigazioni scientifiche hanno infatti comparato il Dna e le impronte dell’uomo accusato dell’omicidio della professoressa di Sora con gli elementi raccolti nelle indagini sul caso di Serena Mollicone, il cui assassino dopo quattordici anni non ha ancora un nome.
Per l’omicidio di Gilberta Palleschi, segretaria regionale dell’Unicef, è invece finito in carcere un muratore di Sora, 43 anni, con l’accusa di omicidio volontario, occultamento e vilipendio di cadavere.