FERENTINO – 09 APR – Per evitare l’ennesima emorragia occupazionale in Ciociaria parte l’appello al Ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, e al sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon.

La vertenza è quella della Biomedica Foscama, storica azienda farmaceutica  di Ferentino. La lettera l’ha inviata il presidente dell’Ente di Piazza Gramsci, Antonio Pompeo.

Nei giorni scorsi, infatti, è andata deserta l’asta che avrebbe dovuto portare alla vendita dello stabilimento e ciò sta generando preoccupazione tra gli 80 lavoratori e le rispettive famiglie. Si cercano delle soluzioni e  si valuta se c’è la possibilità di un nuovo bando.

Per sbloccare la situazione il Presidente della Provincia di Frosinone ha deciso di portare la vertenza all’attenzione del Ministero dello Sviluppo Economico e del Sottosegretario.

Per Pompeo il territorio ciociaro, già in forte difficoltà, non può permettersi di subire un ulteriore impoverimento del tessuto produttivo.

«Per questo  – dice – abbiamo richiesto l’intervento del Ministro Di Maio e del Sottosegretario Durigon affinché si possa favorire l’avvio di un’azione utile alla soluzione positiva. Noi siamo pronti a fare la nostra parte. Le istituzioni locali – ha scritto Pompeo nella missiva –  sono pronte a supportarvi nelle azioni che si intenderanno mettere in campo per salvaguardare la produzione e i livelli occupazionali”.