FROSINONE – 02 MAR – E’ l’ultima domenica ecologica prevista dal piano regionale 2018-19 di risanamento della qualità dell’aria: a Frosinone ci sarà il blocco alle auto dalle 8 alle 18 nell’anello urbano per tutti i veicoli ad uso privato, e sulla fascia urbana di via dei Volsci (ex SS 156 Monti Lepini) per i  veicoli con massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t.

Saranno esentati dai divieti i veicoli adibiti a pubblici esercizi, a servizio di persone invalide e quelli comunque autorizzati per esigenze speciali, oltre che i veicoli elettrici e a propulsione ibrida.

Fino al 29 marzo 2019, inoltre, a Frosinone sarà in vigore il divieto di circolazione, a targhe alterne, il lunedì (posso circolare le dispari) ed il venerdì(possono circolare  le pari). Questi i tentativi attuati per avere un ‘aria leggermente migliore.

Ma i blocchi e le limitazioni, da Frosinone a Ceccano, ben poco, anzi di fatto nulla, hanno potuto per contrastare l’emergenza delle polveri sottili

Tra l’altro nei primi due mesi dell’anno due centraline, quella di Frosinone Scalo, e quella di Ceccano, hanno  già  superato la soglia limite di 35 sforamenti in un anno.

Dati allarmanti quelli che provengono dai due dispositivi, dati sotto gli occhi di tutti e sui cui si attendono risposte diverse e che vadano oltre i semplici, e spesso inefficaci, blocchi del traffico.