FROSINONE – 01 FEB – «Siamo egoisti, la terra è stata inquinata dalla cattiveria umana, abbandonata per la sete di benessere e dell’arricchimento facile»: diretto, a costo di essere spigoloso, come sempre, il vescovo di Frosinone Ambrogio Spreafico ha attaccato coloro i quali hanno approfittato della terra; l’ha utilizzata come metafora per descrivere l’egoismo umano che pensa innanzitutto a se stesso nonostante rischi di affamare gli altri.

Il vescovo Spreafico lo ha fatto intervenendo alla Giornata del Ringraziamento organizzata dalla Coldiretti, che nell’occasione ha inaugurato ufficialmente anche la sua nuova sede di Frosinone, nel palazzo dell’Agenzia delle Entrate.