FROSINONE, 27 GIU – “Sulla questione dell’area di crisi complessa abbiamo appreso con soddisfazione che la Provincia di Frosinone ha condiviso appieno le indicazioni ricevute dalle associazioni imprenditoriali riportandole al tavolo del gruppo di coordinamento e controllo per l’area di crisi complessa di Frosinone”. Lo dichiara il presidente di Unindustria Frosinone, Giovanni Turriziani, dopo l’incontro svoltosi nella sede del Ministero dello Sviluppo Economico, dove è stata esaminata la proposta di Piano di riconversione e riqualificazione industriale predisposto da Invitalia. “Nelle indicazioni più volte date dalle associazioni imprenditoriali, tra cui Unindustria – continua Turriziani – si era evidenziato come, andrebbe innanzitutto sviluppato un piano di infrastrutture a servizio dell’area industriale ricompresa nell’area di crisi complessa Frosinone-Anagni. Per evitare il ripetersi di criticità come quelle emerse nell’attuazione del precedente Accordo di Programma 2013, considerate le ormai acclarate difficoltà in campo autorizzativo che attanagliano il nostro territorio, sarebbe opportuno dettagliare in maniera puntuale le azioni e gli atti amministrativi sia al riguardo della tutela ambientale sia rispetto alla normativa del Sin Valle del Sacco. Per raggiungere l’obiettivo – conclude – si ritiene fondamentale il ruolo ed il coinvolgimento permanente del Ministero dell’Ambiente al tavolo dei lavori”