FROSINONE – 21 FEB – Il primato di città più inquinata d’Italia nel 2014, da condividere con Parma, sembra confermarsi anche guardando il trend dei primi giorni del 2015: Frosinone è già fuorilegge per il superamento delle Pm10. Su 50 giorni, ben 38 volte sono stati oltrepassati i parametri previsti dalla normativa. E la legge consente al massimo 35 giorni di sforamento: un dato quindi già raggiunto e superato, e ancora non sono finiti i primi due mesi dell’anno.

In questo scenario si inserisce la terza domenica ecologica dell’anno nel capoluogo, con lo stop alle auto dalle 08:00 alle 18:00: tutti a piedi nella solito zona del centro che diventa più vivibile almeno per un giorno. Tante le iniziative proposte, per far trascorrere ai cittadini, in tranquillità, una giornata in città, prendendo parte ai tanti eventi previsti nei diversi quartieri. Condizioni meteo permettendo ovviamente.

L’amministrazione guidata dal sindaco Ottaviani più volte ha ribadito come sia consapevole che le domeniche ecologiche da sole non possano assolutamente servire per combattere l’inquinamento. Ma si tratta di un provvedimento comunque da adottare, per legge, e che può trasformarsi in un’occasione per i frusinati per riappropriarsi della loro città. La vera rivoluzione, ha ribadito più volte il primo cittadino, arriverà a giugno, quando entrerà in vigore il nuovo piano per il trasporto pubblico locale, che prevede anche lo spostamento del deposito Cotral ed una riqualificazione di tutta la zona scalo.