ALATRI – 20 OTT – Il raid vandalico è scattato nella notte: ignoti sono entrati all’interno dello stadio Chiappitto di Alatri, dove in mattinata si sarebbe dovuto giocare l’atteso del derby del campionato di calcio di Promozione tra la formazione di casa ed il Ferentino.

   Hanno segato una delle due porte all’interno del rettangolo di gioco e poi, con delle bombolette spray, hanno lasciato delle scritte offensive sui muri esterni degli spogliatoi.

Quelle scritte erano rivolte verso i tifosi alatrensi. I protagonisti dei raid non sono riusciti ad entrare, invece, all’interno degli stessi spogliatoi.

Ad accorgersi di quanto accaduto   è stato in mattinata il custode della struttura. Sono stati subito allertati i carabinieri della locale compagnia. I militari, diretti dal maggiore Gabriele Argirò, si sono portati sul posto per i rilievi. Le indagini sono partite immediatamente anche se l’assenza di telecamere allo stadio non aiuta.

La gara è stata rinviata. Quello tra Alatri e Ferentino, alla vigilia, era stato un match particolarmente attenzionato dalle forze dell’ordine in considerazione di un precedente recentissimo che non faceva stare tranquilli.

10 febbraio 2019: quel giorno la gara fu sospesa perche venne lanciato un petardo dall’esterno all’interno del campo. Un dirigente del Ferentino rimase stordito.

I Carabinieri al termine di un’indagine lampo individuarono e denunciarono un 38enne di Alatri considerato  il responsabile del lancio del petardo. 8 mesi dopo un altro episodio su cui indagare.