FROSINONE -20 SET – La gara che doveva rilanciare il Frosinone porta solo un pareggio in rimonta, e lascia irrisolti gli interrogativi su una squadra che non riesce a carburare. Spesso troppo timida, a volte confusionaria. E poi  la grande fatica a fare gol. 4 punti in 4 gare, oltretutto, sono pochi ed anche stavolta di occasioni ce ne sono state a grappoli. Ma la sfera non entra, quasi, mai.

Nel Frosinone torna Brighenti che si sistema sulla fascia destra di difesa al posto di Salvi. Beghetto si riprende il posto sul versante sinistro. In avanti dal primo minuto Novakovich con Trotta.

Il primo brivido al settimo con Trotta che riceve palla in area si gira e va alla conclusione di destro, Lezzerini respinge. La gara la fa il Frosinone,  ci prova Trotta in area con il sinistro questa volta sopra la traversa. Poco ancora Trotta dopo lanciato da Maiello prova a scavalcare Lezzerini in uscita, sfera sul fondo. Minuto 17, azione prolungata dei canarini, la conclusione di Ciano termina di molto sopra la traversa.
Dall’altra parte il Venezia guadagna un angolo; dagli sviluppi i lagunari vanno in rete ma l’arbitro fischia per un fallo su Brighenti.

I primi 20 minuti del Frosinone sembrano propositivi; i ciociari hanno spazi e provano ad affondare anche se non si sblocca il match. L’azione dei giallazzurri, con il passare dei minuti, ne risente. Il Venezia continua a vedersi poco e quando lo fa ci pensa Brighenti ad intervenire con un recupero prodigioso. Sul finire di tempo arriva un’altra grande occasione per i canarini. Un ottimo Trotta apre per Beghetto, il suo suo cross telecomandato per la testa di Paganini che non centra il bersaglio grosso. L’ultima opportunità e ancora per Trotta ma sul suo sinistro si accartoccia bene Lezzerini. A fine primo tempo e’ zero a zero.

Si riparte senza cambi. La prima occasione e per Maleh, ma sul suo sinistro Bardi non ha problemi. Intanto dalle tribune arrivano i primi mugugni e all’ottavo il Venezia passa. Il gol lo firma Capello . Cross dalla sinistra di Maleh sul secondo palo per Bocalon. Ne serve il numero 28 ospite che  insacca. Sotto di una rete nel Frosinone esce Novakovich ed entra Dionisi. Poi entra Salvi per Brighenti. Al 12esimo il Frosinone pareggia con Salvi che insacca di testa dopo la punizione battuta da Ciano ma tutto e’ vanificato da un fuorigioco.
Il pari lo trova Capuano con uno stacco imperioso al 19esimo su cross di Beghetto. Torna un po’ di sereno in casa giallazzurra quando mancano 25 minuti al termine.

La gara di Dionisi dura davvero poco. Esce per infortunio e gli subentra Citro. La gara per il Frosinone e diffide ed il Venezia è sempre insidioso come con Di Mariano poco prima della mezz’ora, Bardi si allunga.

A dieci dalla fine una punizione di Ciano attraversa tutta l’area e si perde sul fondo. Ciano prova a spingere i suoi. La sua punizione poco prima del limite non si abbassa quanto servirebbe. L’occasione per il vantaggio capita a Citro al 41eismo ma il numero nove canarino si fa respingere il tiro da Lezzerini, ancora Citro poco dopo ha un’altra grande occasione ma il bersaglio non viene centrato neanche stavolta. E’un assedio quello del Frosinone

Al 94 esimo Trotta trova Lezzerini. Poi quando Paganini spacca la traversa e’ il segnale che la palla non vuole entrare. Finisce 1-1 tra tanti rimpianti e la squadra si prende una razione di fischi ed una ramanzina sotto la Curva Nord. Che qualcosa non vada è evidente.