FORMIA – 02 MAG – In primo piano l’evacuazione delle 16mila persone interessate dalle operazioni di disinnesco della bomba risalente al secondo conflitto bellico. Un aspetto particolare è quello legato alle persone che hanno difficoltà a muoversi, che hanno problematiche fisiche: di loro si occuperà in maniera specifica la Croce rossa del Sud Pontino.