FROSNONE – 11 NOV –  «Più tutele»: è la richiesta che ha portato Cgil, Cisl e Uil dei Vigili del Fuoco a proclamare lo sciopero generale per venerdì 15 novembre e ad organizzare una manifestazione nazionale a Roma e presidi davanti alle prefetture. Alla protesta aderiscono anche i Vigili del Fuoco di Frosinone.

Un modo per far sentire la propria voce e mettere in evidenza le problematiche che coinvolgono la loro professione. I Vigili del Fuoco chiedono al Governo una valorizzazione effettiva dal punto di vista retributivo e previdenziale del loro lavoro, unico ed  insostituibile. Una maggior tutela per gli infortuni e le malattie professionali tipiche del lavoro; un riconoscimento reale delle specificità e dell’alta professionalità; e il potenziamento degli organici.

Poiché tutte queste temi non hanno trovano il giusto riscontro nella legge di bilancio in discussione in Parlamento, i sindacati hanno deciso di mobilitarsi.

«La giornata di sciopero è stata organizzata – spiega Giuliano Fratarcangeli, segretario territoriale Fns Cisl Frosinone – perché purtroppo continuiamo a constatare il mancato riconoscimento della specificità professionale dei lavoratori del comparto che non sono da meno rispetto agli operatori di altri settori legati a sicurezza e soccorso pubblico: le belle parole di elogio e stima tardano a tradursi in fatti concreti».