FROSINONE – 09 NOV – “Si continuano a fare annunci fumosi che non producono nulla. Nella nostra regione la Cig e’ aumentata del 13,8% e oltre 4.000 nuove persone stanno usufruendo degli ammortizzatori sociali. La politica sull’occupazione non sta avendo buoni risultati. Serve un confronto serio nella commissione preposta, l’assessore Valente non puo’ procedere in solitaria senza risultati, dobbiamo dare una speranza vera sia alle persone che hanno perso il posto di lavoro e i giovani che sono in cerca di occupazione. La situazione di drammaticita’ occupazionale della provincia di Frosinone,è evidente, ma soprattutto certificata dall’Istat. Eppure, cio’ nonostante, non vengono assunte, da parte della Regione Lazio, iniziative straordinarie, proporzionate alla crisi del territorio ciociaro per il rilancio dell’occupazione. Paradossalmente, vengono prodotti atti, come ad esempio il bonus assunzionale, la cui efficacia sara’ prossima allo zero, senza una reale mappatura delle aziende locali disponibili ad assumere i lavoratori. Infatti, i dati comunicati dall’assessore in Consiglio Regionale testimoniano tutto ciò. Su 400 bonus assunzionali previsti ne sono stati attivati soltanto 189. Si tratta di un dato altamente significativo in negativo ed anche di questo la regione dovrebbe porsi delle domande”. Cosi’ Mario Abbruzzese, consigliere regionale del Lazio e presidente della Commissione Speciale Riforme Istituzionali nel suo intervento al question time che si è svolta oggi nella seduta del Consiglio regionale del Lazio.
“In data 14 gennaio 2016, è stato approvato in Consiglio Regionale del Lazio un ordine del giorno che impegnava la Giunta ed il Presidente Zingaretti, ad “attivarsi con impegni precisi per la ripresa economica della provincia di Frosinone, ivi compresa l’attivazione delle misure della Legge regionale 4/2009 avente ad oggetto Istituzione del reddito minimo garantito. Sostegno al reddito in favore dei disoccupati, inoccupati o precariamente occupati o tramite un nuovo provvedimento similare. Ma non c’è è stato poi un atto che abbia fatto seguito al provvedimento approvato all’unanimità dall’assise regionale.
Questa non è assolutamente una question time strumentale. – ha concluso Abbruzzese – servono misure urgenti a sostegno delle persone che sono rimaste senza lavoro e quindi risposte concrete anche per il dramma che stanno vivendo le migliaia di famiglie coinvolte nella vertenza frusinate”.