Pomezia – Sfruttamento della prostituzione, cinque arresti

POMEZIA – 16 MAG – Quattro uomini ed una donna, tutti arrestati con l’accusa di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Una operazione dei carabinieri di Pomezia coordinati dalla Procura di Velletri in cui i cinque vengono accusati di aver trasformato una abitazione di Pomezia ed una di Roma in vere e proprie case del piacere. Le due case, prese in affitto, venivano sponsorizzate come centri massaggi.

Lì dentro invece giovani donne dell’est, ma anche italiane ed alcune delle quali sposate ed all’insaputa di mariti e fidanzati, si prostituivano. I massaggi erano la forma, le prestazioni sessuali la sostanza. L’indagine è partita dalla denuncia di una ragazza che dopo aver risposto ad un’offerta di lavoro come segretaria, aveva successivamente scoperto che in realtà i presunti datori di lavoro cercavano altro.

In carcere sono finiti un 42enne ed un 32enne di Pomezia che, secondo le accuse si facevano consegnare il 60% dei guadagni ed organizzavano le attività delle ragazze. Gli altri tre arrestati, due uomini ed una donna, secondo quanto emerso dall’indagine portavano nelle abitazioni quanto serviva alle ragazze ed inoltre gestivano appuntamenti e contabilità. I tre si trovano ai domiciliari.