ALATRI – 20 APR – Delitto Morganti. La settima sezione della Corte di Cassazione ha ritenuto non inammissibile la richiesta dei legali degli imputati. I giudici della settima sezione hanno, pertanto, rinviato gli atti alla prima sezione ordinaria della Suprema Corte.

Ora il presidente di questa sezione dovrà fissare la data della prossima udienza. La decisione dovrebbe arrivare entro una quindicina di giorni quando si saprà dove si celebrerà il processo.

Alla Corte di Cassazione si erano rivolti i legali dei quattro imputati per l’omicidio di Emanuele Morganti: in sede di udienza preliminare avevano chiesto che il processo venisse spostato per legittimo sospetto.

Hanno sostenuto che a Frosinone non ci siano le condizioni per celebrare per loro un equo processo. Troppe pressioni esterne, hanno spiegato i legali, dovute principalmente al risalto mediatico che la notizia ha avuto e continua ad avere.

Per la decisione finale della Cassazione bisognerà aspettare ancora un po’.