ANAGNI – 02 LUG – E’ stato arrestato con la pesante accusa di   pornografia minorile. A finire in carcere è stato un 67enne ciociaro, ammanettato qualche ora fa dai carabinieri della Compagnia di Anagni che hanno così dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Roma su richiesta della Procura che condivideva integralmente le indagini svolte dai militari.

Una vicenda davvero triste che ha un aguzzino ed una vittima giovanissima. Una bambina di 9 anni  all’epoca dei fatti che, secondo le indagini dei carabinieri, è stata filmata in condizioni osè, seminuda, in atteggiamento provocante dal 67enne che conosceva bene.

I Carabinieri iniziarono le indagini  dopo  una segnalazione di un cittadino di Anagni che aveva notato una ragazzina appartata all’interno di una auto mostrando parti del corpo. Le  indagini effettuate con massima discrezione visto il coinvolgimento di una ragazzina,  sono state eseguite con riscontri e perquisizioni che hanno portato al  sequestro di computer e numerosi dvd  all’interno dei quali sono stati trovati quei filmati che di fatto hanno incastrato il 67enne ciociaro. Il reato contestatogli è il 600 ter del codice penale che punisce chi sfrutta minorenni per realizzare esibizioni pornografiche o produrre materiale pornografico. La pena cui va incontro ora è il carcere, rischiando 12 anni di reclusione.