BOLOGNA – 07 LUG – Uno pneumatico che esplode, il camion che si intraversa ed il tentativo disperato di riportarlo in carreggiata, prima che finisca nel vuoto. E’ questa la ricostruzione degli ultimi attimi di vita di Marco D’Arpino, autotrasportatore 45enne di Veroli, morto giovedì a causa di un incidente stradale avvenuto sul tratto appenninico di A1, tra Sasso Marconi e la variante di valico nel bolognese.

            Marco era di Veroli e guidava un autoarticolato adibito al trasporto di cassoni scarrabili per il carico di rifiuti. L’incidente è avvenuto intorno alle 18 in direzione nord. Come detto lo scoppio di una gomma ha fatto perdere al camionista ciociaro il controllo del mezzo che, dopo aver sfondato le barriere di protezione, ha fatto un volo di dieci metri prima di cadere su una stradina sottostante. Sul posto hanno lavorato a lungo i Vigili del Fuoco di Bologna, mentre i sanitari del 118 non hanno potuto far altro che constatare la morte del 45enne.

            Non appena appresa la notizia la moglie Luigia si è subito precipitata nel bolognese. Marco, che aveva anche due figli, era molto conosciuto a Veroli in particolare nella sua contrada, quella di Madonna degli Angeli.