FROSINONE – 29 OTT – La potremmo ribattezzare la gara delle prime volte: il blitz del Frosinone a Ferrara ha rappresentato il primo successo in stagione, ovviamente i primi punti in trasferta, ma anche i primi gol in A per Raman Chibsah e per il giovanissimo Andrea Pinamonti. Insomma un pomeriggio davvero da incorniciare per i giallazzurri.

Per il Frosinone quello di Ferrara è stato il terzo successo in trasferta in asoluto nella massima serie. Le altre due volte, nella stagione 2015-16, erano state ad Empoli e a Verona con l’Hellas

Altra curiosità: per la seconda volta quest’anno il Frosinone chiude un match senza subire reti. Ci era riuscito solo sul neutro di Torino con il Bologna alla seconda giornata. Per una volta, dunque, sale sugli scudi anche la vituperata difesa in cui spicca un grande Ariaudo.

Ma c’è anche un altro dato che volgiamo sottolineare: quello dei gol fatti. Nelle ultime quattro gare i giallazzurri hanno realizzato nove gol mentre nelle prime sei giornate, dal match con l’Atalanta a quello con la Roma, non avevano mai bucato una rete avversaria. Insomma un cambio di passo c’è stato: deciso, almeno in fase realizzativa.

Ovvio, sono cresciuti i singoli. Da Ciano ad un Campbell che sta acquistando continuità. Noi vogliamo ribadire la grande partita fatta da Daniel Ciofani nel giorno in cui, pur non tirando mai in porta, ha fatto un lavoro divino a sostegno dei compagni.

Fatte le giuste lodi per un impresa sul campo di una delle squadre rivelazioni di inizio campionato come la Spal, ora bisogna resettare subito.

Si riparte, ancora una volta lungo la via Emilia: domenica si va a Parma. E siccome la partita più importante, se si vuole cementare una mentalità da A, è sempre la successiva, allora gambe e testa devono essere proiettate subito ai ducali: perché al Tardini c’è un’altra tappa importante per rimanere aggrappati al treno salvezza.