FROSINONE – 26 MAG – Lo slittamento dei playoff, la post season ritardata e tutto ciò che ne consegue, necessitano di un aggiornamento della tabella di lavoro per il Frosinone di Mister Longo.

La squadra non può perdere l’abitudine ai 90 minuti di gara ed è per questo che domenica i giallazzurri scenderanno in campo. Lo faranno allo stadio “Stirpe”,  a partire dalle 18:30. Saraà un test a porte chiuse. La società giallazzurra ufficialmente non ha comunicato il nome dell’avversario ma sarà quel Rieti già affrontato in estate durante il ritiro al Terminillo: quel Rieti appena promosso in serie C.

Il Frosinone torna in campo nove giorni dopo la grande delusione patita con il Foggia. Sarà un test per riprendere confidenza con il campo, per vedere a che punto è il fisico ma,anche e sopratutto la testa. Una testa frastornata, annebbiata da quella maledetta sera e da quel gol di Floriano che tanto male ha fatto.

I giallazzurri sanno che un’altra via per quel traguardo, sfuggito a due minuti dal termine contro il Foggia, c’è. Come sanno che quel treno a partire dal 6 giugno sarà da prendere al volo ed in maniera, questa volta si spera, decisa.

In questi lunghi giorni, anzi lunghissimi, che separano il Frosinone dalla semifinale di andata la squadra deve ritrovare quel morale finito sotto i piedi.

Da qui al 6 giugno manca una vita. Forse lo slittamento è anche un bene perché è come se iniziasse davvero un altro torneo.

Almeno questo è l’auspicio di un ambiente ancora scosso e per  una squadra chiamata a tentare di riscattarsi.

Intanto le notizie che giungono dal campo di allenamento ci dicono che alla cittadella Sport di Ferentino  sabato il gruppo si è allenato pressoché al completo, eccezion fatta per Lorenzo Ariaudo e Daniel Ciofani.