CALCIO – 21 SET – Ci siamo. Anche il penultimo allenamento è scivolato via ed ora resta solamente la rifinitura a dividere Frosinone e Juventus dall’affrontarsi sul terreno di gioco dello “Stirpe”. Longo ha provato le soluzioni da mettere in campo, mescolato gli uomini, studiato le varie gabbie per provare a fermare i campioni bianconeri. Allegri alla Continassa ha invece lavorato con tutto il gruppo, a parte gli indisponibili, concentrandosi sulla tecnica ed il possesso palla.

            La sensazione è che Longo cambierà qualcosa in ogni reparto, cercando di sfruttare al meglio l’ampia rosa. Il tecnico piemontese dovrebbe puntare su Joel Campbell dal primo minuto. Dal costaricano ci si aspetta quel qualcosa in più, la zampata e le giocate in grado di poter sovvertire un pronostico che pende tutto dalla parte bianconera. Al suo fianco dovrebbe essere ancora Perica il terminale offensivo. In mediana di sicuro tornerà Hallfredsson, mentre è ballottaggio tra Maiello e Crisetig. Dietro potrebbero tornare titolari Goldaniga e Capuano.

            Cambierà e tanto mister Allegri, che si appresta a giocare la terza gara in sette giorni con all’orizzonte altrettante partite in una settimana. Di certo non ci saranno Khedira, De Sciglio e Douglas Costa, mentre altri si accomoderanno in panchina per scelta tecnica. In porta dovrebbe esordire Mattia Perin, in difesa potrebbero riposare sia Cancelo che Bonucci, con Cuadrado e Benatia pronti a scendere in campo.

            In mediana Emre Can dovrebbe prendere il posto di Khedira e Bentancur far rifiatare Pjanic, a completare il reparto ci sarà Matuidi. Un’altra certezza è che al centro dell’attacco sarà impiegato Cristiano Ronaldo, con Dybala e Bernardeschi sulle fasce. Un turnover un po’ sui generis, se si calcola che il valore di un giocatore di questi citati potrebbe risanare gran parte dei bilanci delle squadre di A, ma il Frosinone non può pensare ai nomi. Perché altrimenti si è sconfitti in partenza.