Calcio – Frosinone, tornano in gruppo Ciano e Capuano

FROSINONE – 30 NOV – In A è una novità assoluta: Frosinone e Cagliari si troveranno di fronte per la prima volta nella massima serie.

            Eccezion fatta per un incontro di Coppa Italia nel 2013, ci sono stati solo due incroci in serie C, stagione 87-88 e 88-89. Le gare interne quel Frosinone le giovava, ovviamente, al Matusa. Arrivarono una vittoria ed un pareggio.

            30 anni dopo i destini della due squadre si incrociano di  nuovo in campionato. I giallazzurri sono chiamati a cogliere la prima vittoria in casa di questa stagione al cospetto di un Cagliari che in sette gare esterne ha ottenuto cinque punti, con una vittoria e due pareggi.

            Longo, pensando alla formazione, può sorridere: l’infermeria si è di fatto svuotata: Camillo Ciano e  Marco Capuano sono rientrati regolarmente in gruppo. E mentre Hallfredsson ha continuato le terapie in considerazione del problema alla cartilagine del ginocchio, venerdì non ce’erano solo Bardi e Mirko Gori, colpito dall’influenza.

            Il tecnico contro i sardi potrebbe tornare al 3-4-2-1 o potrebbe inserire un solo trequartista dietro due punte.

             Nel primo caso, con Sportiello in porta, in difesa dovrebbero agire Goldaniga, Ariaudo ed il recuperato Capuano.

            In mediana è atteso il rientro dal primo minuto di Maiello rispetto a San Siro, in coppia con Chibsah, mentre sui lati dovrebbero continuare ad agire Zampano e Beghetto.

                        Dietro a Daniel Ciofani agiranno Campbell e uno tra Vloet e Ciano o Soddimo. Non è da escludere però anche l’impiego di un solo trequartista alle spalle di Ciofani e Pinamonti.

            Quella di domenica è la prima di otto gare – come ha rimarcato il presidente Maurizio Stirpe a margine della conferenza con Acea – in cui si deciderà molto del discorso salvezza. tra le ultime sei giornate di andata e le prime due del ritorno il Frosinone deve rimanere aggrappato a quella quota salvezza che ora dista 5 punti. Se Stirpe ritiene che la sua squadra fino ad ora abbia espresso  il 70% delle sue potenzialità, da domenica bisogna provare ad accelerare per racimolare più punti possibili.    La direttiva è chiara: se arriveranno risultati in questo lasso di tempo allora  si potrà mettere mano al mercato.