CASSINO – 20 GIU – Accusato del furto di due costosi orologi all’interno di un appartamento di Cassino, ma nelle ultime ore è stato assolto e tutto grazie ad una delle tradizioni più antiche della città martire: la Pasquetta Epifania. I fatti si erano registrati il cinque gennaio del 2014 quando secondo le accuse, l’uomo, un 40enne funzionario cassinate intorno alle 17 si era introdotto in una casa rubando i due orologi di pregio.

Durante l’udienza di mercoledì, nel corso dell’istruttoria dibattimentale, è emerso che l’uomo non aveva potuto compiere quel furto in quanto stava partecipando allo storico corteo cittadino che si svolge proprio in quel pomeriggio prima del giorno dell’Epifania. A ciò deve essere aggiunto il fatto che né a casa del 40enne, né sul posto di lavoro, gli inquirenti che avevano svolto la perquisizione trovarono l’oggetto del reato, ovvero i due orologi.

La procura per il 40enne aveva chiesto la condanna ad un anno e quattro mesi di reclusione, ma il Giudice del Tribunale di Cassino, accogliendo in pieno la ricostruzione dell’avvocato del 40enne, Sandro Salera, ha assolto l’uomo con formula piena per non aver commesso il fatto.