CASSINO – 13 NOV – Delitto di Serena Mollicone, quella di oggi sarebbe potuta essere una giornata campale. Si attendeva l’udienza preliminare per i cinque indagati ma tutto è stato rinviato al prossimo 15 gennaio: una udienza durata pochi minuti davanti al GUP del Tribunale di Cassino Di Croce.

Un difetto di notifica ad una delle parti lese: questa la motivazione del rinvio al prossimo 15 gennaio.

Il giudice avrebbe dovuto decidere  sulle sorti giudiziarie degli indagati per l’assassinio della 18enne di Arce. La richiesta di rinvio a giudizio riguarda la famiglia Mottola, il padre Franco, ex comandante della stazione di Arce, il figlio Marco e la moglie Anna Maria, accusati di omicidio in concorso. Al maresciallo Vincenzo Quatrale viene contestato, oltre al concorso in omicidio, anche l’istigazione al suicidio di Santino Tuzi, mentre a Francesco Suprano solo il favoreggiamento (il suo quindi, nell’impianto degli inquirenti, sarebbe un ruolo marginale).