CASSINO – 12 LUG – I carabinieri li hanno fermati a bordo di un taxi, nei pressi del casello autostradale di Cassino: si stavano dirigendo verso Formia. Quando i militari del nucleo radiomobile della compagnia hanno intimato l’alt al taxi, il conducente, estraneo ai fatti, si è subito fermato.

I due passeggeri invece hanno immediatamente tentato la fuga. Il primo, di 45 anni, è stato subito fermato ed identificato; il secondo di 29, ha tentato la fuga. Nella macchina ha lasciato i suoi effetti personali, un telefono e un biglietto ferro. Nella fuga ha tentato di disfarsi di un involucro che però è stato recuperato dai carabinieri: conteneva due panetti di hascisc, per un peso complessivo di 194 grammi. La fuga del 29enne è durata poco: è stato infatti fermato dopo un po’ nelle vicinanze di una attività commerciale del posto.

I militari del capitano Ivan Mastromanno hanno sequestrato la droga e fatto scattare le manette per i due passeggeri del taxy, entrambi di Cassino, entrambi con precedenti. Sono stati portati nelle loro rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari. Al 29enne è stato contestato anche il reato di resistenza a Pubblico Ufficiale.