CASSINO – 31 GEN – Si intensificano i controlli della  Polizia di Stato di Cassino nelle scuole della città martire per scoraggiare l’uso di sostanze stupefacenti. Dopo i blitz delle scorse settimane, gli agenti sono tornati alle superiori, supportati dalle unità cinofile di Nettuno, portando avanti numerosi  controlli antidroga. In particolare gli agenti del Commissariato di Cassino hanno passato al setaccio  una scuola superiore della città Martire. Aule ed uffici in cui i cani antidroga hanno fiutato senza trovare traccia di sostanze stupefacenti.

Dalle scuola ai luoghi di scambio della città martire. Perciò le attenzioni degli agenti si sono spostate prima alla stazione ferroviaria, poi alla villa comunale.  Il blitz si è concluso con una denuncia a carico di  un giovane   nigeriano che alla richiesta delle proprie generalità, si è rifiutato di  fornire i propri documenti agli agenti. Lo stesso  è stato trovato in un appartamento in largo Molise, dove risiede con alcuni connazionali.

Nell’ambito della 24 ore di controlli   gli agenti hanno arrestato   una 53enne di Cassino  perché, come disposto dall’autorità giudiziaria,   doveva scontare un anno e mezzo di reclusione.

 A Cassino, in ausilio agli agenti del commissariato, anche i colleghi del    Reparto prevenzione crimine di Roma con posti di blocco al centro e in  periferia:   96 le persone controllate. identificate e allontanate due prostitute fermate in  via Cerro Antico.