Cassino – 09 ott – Due momenti di tensione nel giro di poche ore all’interno del carcere San Domenico di Cassino. In mattinata all’interno di una cella nella 2^ sezione al primo piano, un detenuto è stato aggredito da due compagni. Ne è nata una rissa che ha visto l’intervento degli agenti in servizio che con non poche difficoltà sono riusciti a sedare gli animi. Poche ore dopo un detenuto  straniero  è riuscito a sottrarre con forza e violenza le chiavi  della seconda  sezione al poliziotto penitenziario  in servizio e con estrema velocità ha aperto due stanze detentive. Risolutivo l’intervento immediato dei colleghi dell’agente aggredito che hanno soccorso il poliziotto mentre ripristinavano l’ordine e la sicurezza all’interno della casa circondariale, assicurando il detenuto all’interno della sua stanza e provvedendo a chiudere le due aperte.

A denunciare i due eventi è stato il Segretario Nazionale e Regionale Lazio SAPPe Maurizio Somma che esprime  la massima vicinanza del sindacato a tutto il personale di Polizia Penitenziaria in servizio presso la Casa Circondariale di Cassino dove l’intervento celere del personale ha evitato che dai due episodi potessero scaturire conseguenze ben più gravi per l’incolumità degli agenti stessi e per la pubblica sicurezza.