COLLEFERRO – 25 LUG – La paura è stata tanta, i danni fortunatamente sono stati contenuti.

In mattinata un’esplosione si è verificata all’interno della Simmel Difesa di Colleferro, l’azienda che produce armamenti.

Il boato è stato forte: secondo la ricostruzione effettuata dagli inquirenti  la deflagrazione ha interessato un macchinario, detto “pastigliatrice”, all’interno del reparto numero 5200 della Simmel.

Nessun operaio è rimasto ferito. I macchinari, infatti, sono controllati da remoto, per questo il sistema di sicurezza ha funzionato perfettamente e non ci sono stati problemi al personale.

Sul posto sono intervenuti Polizia, carabinieri e vigili del fuoco. Delle indagini se ne sono occupati gli agenti del Commissariato della città. L’incendio che si era generato dalla deflagrazione è stato immediatamente spento dai pompieri. Durante queste operazioni si è innalzata anche una nube bianca visibile da lontano.

Nei pressi della Simmel è arrivato anche il sindaco di Colleferro, Pierluigi Sanna, per fare il punto della situazione e per accertarsi di quanto accaduto.

Stando ai primi rilievi la deflagrazione del macchinario sarebbe stata causata da un corto circuito. Il reparto interessato dall’esplosione è stato dichiarato, ovviamente, inagibile.