FIUGGI – 08 LUG – Giro d’affari milionario, ma nessuna dichiarazione dei redditi e zero tasse pagate. E’ questo quanto ipotizza la guardia di finanza della tenenza di Fiuggi che ha denunciato tre persone per omessa dichiarazione ed occultamento dei documenti contabili. Le indagini delle fiamme gialle fiuggine hanno preso spunto da una serie di attività informative sul territorio e successivi riscontri con le banche dati del corpo, ma anche l’analisi di operazioni bancarie sospette. Da questi dati è stata scoperta una società con sede legale a Fiumicino, intestata ad un uomo di Fiuggi che risultava nullatenente.

            Quell’uomo, è emerso dagli accertamenti, era una mera testa di legno. La società commercializzava carburante sull’intero territorio nazionale, acquistandolo da società operanti nel centro/nord Italia che a loro volta lo avevano acquistato in Slovenia. Le operazioni avvenivano per conto di un intermediario di Cipro che tra l’altro non ha mai pagato le tasse. La società diretta, solo sulla carta, dal fiuggino è risultata essere evasore totale.

          A capo del sistema, sostengono gli inquirenti, tre uomini che non solo hanno evaso le tasse, ma hanno anche alterato le regole di mercato permettendo di immettere sul mercato carburante a prezzo bassissimo poi distribuito dalle cosiddette pompe bianche. Al termine del conteggio si è scoperta una evasione su ricavi per 15 milioni, tre milioni di IVA ed un milione di imposte sui redditi.