FORMIA – 23 MAR – “Tu sei di Gaeta? E allora a Formia non può venirci, neanche per studiare”. Finite in naftalina le storiche rivalità di natura calcistica che esistano ancora inutili e sterili forme campanilistiche tra le due principali località del Golfo se ne sono accorti i Carabinieri della tenenza di Gaeta che,al termine di non facili indagini, hanno denunciato cinque giovanissimi con le ipotesi di reato di lesioni personali, violenza privata e minaccia. Nel mirino dell’Arma sono finiti  un 18enne e quattro 17enni – denunciati a piede libero il primo alla Procura della Repubblica di Cassino, i 17enni a quella dei minorenni di Roma –  dopo la circostanziata denuncia sporta dai genitori di uno studente di 17 anni di Gaeta che frequenta il quarto anno presso un noto istituto superiore di Formia. La vita di quest’ultimo ragazzo era diventata un inferno: appostamenti prima e dopo l’ingresso a scuola, pesanti apprezzamenti verbali , minacce di ogni tipo e finanche le botte.  Era arrivato , dopo un sfogo con i familiari, a chiedere di non andare più a scuola a Formia, perché temeva per la propria incolumità. Per i Carabinieri questa inverosimile situazione ripropone un’antica e – si sperava – superata forma di discriminazione  territoriale che ora è sfociato in un atto di bullismo nel confronti del quale diversi studenti han avuto recitato un ruolo di spettatori. Purtroppo.