FROSINONE – 20 MAR – c’è il sospetto che quelle acque siano inquinate: ci sono monitoraggi ed analisi, per verificare se i valori siano nei limiti, se eventualmente la causa siano residui di lavorazioni industriali o situazioni pregresse. Nell’attesa dei risultati però il sindaco di Frosinone ha emanato, in via cautelativa, una ordinanza che limita l’utilizzo delle acque sotterranee nelle fasce di terreno poste ai due lati di un tratto di strada: quello che va dall’incrocio di via Agusta con via Tumuli fino all’incrocio di via Agusta con via delle Salci e, da qui, lungo via delle Salci, fino al confine con il comune di Ferentino.

L’ordinanza prevede il divieto di utilizzare le acque sotterranee per scopi irrigui, agricoli, per l’abbeveraggio del bestiame, per l’uso domestico e per il consumo umano.