FROSINONE – 30 MAG – Tanti interventi anche per gli alcolisti e per i dipendenti da gioco d’azzardo. Ma la vera piaga è rappresentata dalle sostanze stupefacenti. Sono drammatici i numeri che riguardano i pazienti in trattamento nei dipartimenti specifici delle varie asl. A Frosinone sono ben 1296 le persone che sono assistite dagli specialisti del Serd: le prestazioni erogate in un anno, solo dalla azienda sanitaria di Frosinone, sono state oltre 180mila. A Latina invece gli utenti in carico sono 1087, il totale delle prestazioni però è più alto e supera le duecentomila. I numeri sono stati resi noti con la “Relazione 2017 sul fenomeno delle dipendenze nel Lazio”, pubblicata dal Dipartimento di Epidemiologia del Servizio sanitario regionale. E’ un report che si basa sui dati delle persone in trattamento per dipendenze patologiche, presso i servizi pubblici e privati del Lazio. Il rapporto prende in esame i dati raccolti dal sistema informativo regionale mediante il software SIRD (dipendenze patologiche della Regione Lazio) a cui accedono gli operatori dei servizi pubblici per le dipendenze e gli operatori del privato sociale accreditato.

Tabelle e cifre che mettono in evidenza quanto sia esteso e quindi preoccupante, il fenomeno delle dipendenze da sostanze stupefacenti nelle province di Frosinone e Latina. Bisogna distinguere, tra coloro che si rivolgono alle strutture occasionalmente e quelle che invece iniziano un percorso terapeutico strutturato e duraturo da più di un mese, quindi con presa in carico ufficiale da parte del Serd.

A questi numeri vanno aggiunti anche quelli della popolazione carceraria.

A commentare questi dati è stato il consigliere provinciale Danilo Magliocchetti che spiega come sia necessario creare una vera e propria “coscienza civile, coinvolgendo tutte le istituzioni, per comprendere bene come tentare di arginare quello che, con il passare del tempo, assume sempre più i contorni di un vero e proprio dramma sociale in tante famiglie”.