FROSINONE/LATINA – 20 MAG – Sono 12 gli indicatori presi in considerazione da Il sole 24 ore per arrivare a classificare le province italiane più sane. Quelle dove si vive meglio, più a lungo, dove si assumono meno farmaci e dove è più facile curarsi o ancora, dove si vive più a lungo. Nell’elenco gene Latina è a metà, 62esma. Frosinone invece molto più in basso, 98esima su 107 province italiane.

Tra le 12 discriminanti che fanno piombare la ciociaria nella parte bassa della classifica del quotidiano economico c’è il tasso di mortalità. Frosinone è tra le 10 peggiori d’Italia. Il pontino invece si conferma tra le migliori dello stivale per incidenza di morti provocate da infarto. Le miocarditi in provincia di Latina hanno un incidenza minima nei decessi, rispetto al resto della penisola.

La fotografia che fa Il sole 24 ore è complessa, prendendo in considerazioni indicatori differenti per arrivare alla classifica finale sull’aspettativa di vita che in ciociaria è pari a   82  anni e 2 mesi. 120 giorni in più invece nel pontino. 150 giorni in più invece in provincia di Roma dove l’aspettativa di vita cresce attestandosi a 82 anni e 7 mesi. Giusto un anno in meno rispetto alle province più virtuose, Trento e Bolzano. Fanalino di coda c’è un’altra provincia laziale, Rieti con 82 anni tondi tondi.

Ma, come evidenza il quotidiano economico, l’indice della salute vuole offrire spunti di riflessione e analisi su alcuni fattori che possono influire sul benessere della popolazione. Non ha pretese di esaustività nella rappresentazione di una realtà complessa come la salute.