FROSINONE – 02 GEN – Non ha resistito alla voglia di festeggiare il capodanno, di lasciarsi alle spalle il 2017 ed iniziare con nuovo slancio il 2018: peccato però che il soggetto in questione, un 45enne di Frosinone,  fosse un sorvegliato speciale e quindi costretto a restare a casa dalle 19 alle 7. Orari che però non coincidevano con quelli soliti per il consueto veglione di San Silvestro. Ed è così che  nella notte più lunga dell’anno   gli agenti della squadra volante della questura del capoluogo non lo hanno trovato presso il suo domicilio, evaso per poter uscire a celebrare l’arrivo del nuovo anno.

Un motivo ovviamente poco plausibile  per essere giustificato: il 45enne è risultato così inottemperante all’obbligo della sorveglianza e quindi denunciato dagli agenti della volante  che il 31 dicembre hanno effettuato decine e decine di controlli  presso le abitazioni di soggetti in regime di arresti domiciliari o sottoposti alla Sorveglianza Speciale, proprio per verificare che non avessero ceduto al richiamo di trenini, trombette e cotillon.