FROSINONE – 24 MAG – Sicurezza allo Scalo, altro giro di vite della Questura. Dopo i due nigeriani accusati di spacciare alla stazione, nella rete della polizia è finito anche un gambiano di 25 anni. Potrebbe essere lui secondo gli inquirenti l’autore delle rapine avvenute nei giorni scorsi alla stazione, in particolare ai danni di una donna di Frosinone ed un ragazzo di Veroli. Il terzo arresto in due giorni porta ancora la firma degli agenti della squadra volante della Questura, impegnati in continui controlli nelle zone a rischio del capoluogo.

     Nel pomeriggio di giovedì è scattato un nuovo blitz da parte degli agenti delle volanti diretti dal Dott. Flavio Genovesi. Hanno notato nei pressi della stazione un gruppo di extracomunitari che litigavano tra loro. L’oggetto del contendere dicono gli agenti: un telefonino rubato ad uno di loro. Un gambiano è stato trovato con un cellulare nelle tasche ma al momento della perquisizione si è scagliato contro i poliziotti per impedire di continuare. E’ nata una colluttazione: lo straniero è stato immobilizzato e portato in Questura.

     Qui gli agenti hanno trovato all’interno dello zaino dello straniero altri due cellulari dalla dubbia provenienza. Il giovane richiedente asilo e residente in un centro di accoglienza a Ceccano è stato denunciato per il furto del cellulare al suo connazionale ed arrestato per resistenza a pubblico ufficiale. La polizia sta effettuando ulteriori accertamenti per capire se i telefonini trovati nello zaino possano appartenere alle due persone che la settimana scorsa sono state rapinate nei pressi della stazione. Due casi avvenuti in pochi giorni che hanno generato paura tra i pendolari e gli stessi residenti della zona. Il Questore Biagioli aveva così disposto ulteriori controlli nella zona per scoraggiare i male intenzionati.