FROSINONE – 14 MAR – Mentre la centralina di Frosinone Scalo ha già superato il limite degli sforamenti previsti, raggiungendo quota 37 giorni fuori legge come conferma l’ultima rilevazione dell’Arpa Lazio relativa alla giornata di martedì, il comune del capoluogo ha varato l’ultima giornata ecologica prevista dal piano di risanamento dell’aria contro le polveri sottili. Lo stop ci sarà domenica 18 marzo.

Inizialmente previsto per il 25 febbraio, lo stop alle auto all’interno dell’area urbana del capoluogo era stato rinviato, ad altra data, dall’amministrazione comunale a causa dell’ondata di maltempo, con presenza di freddo intenso e temperature al di sotto dello zero, che ha colpito la Ciociaria durante quel periodo.

Domenica 18 marzo, dunque, è stato istituito il divieto di circolazione per i veicoli a uso privato dalle 8 alle 18 nell’area urbana del capoluogo.

Sulla fascia urbana di via dei Volsci (ex SS 156 Monti Lepini) sarà vietata, inoltre, la circolazione dei veicoli con massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t.

Saranno esentati dai divieti, i veicoli adibiti a pubblici esercizi, a servizio di persone invalide e quelli autorizzati per esigenze speciali, oltre che i veicoli elettrici e a propulsione ibrida.

L’esenzione dal divieto per i veicoli elettrici e ibridi è stata adottata dal sindaco, Nicola Ottaviani, in deroga rispetto alle previsioni dell’attuale Piano regionale sulla qualità dell’aria, proprio allo scopo di promuovere la massima diffusione dei veicoli a propulsione alternativa.