FROSINONE – 06 OTT – Minacce di morte continue nei confronti di della e compagna e della madre di quest’ultima, decine di chiamate e messaggi intimidatori tanto da indurre le due donne a chiedere l’intervento della polizia. Per un ragazzo di Cassino è scattata una nuova denuncia per stalking, per la seconda volta.

            Secondo gli agenti della Questura di Frosinone, nonostante il divieto di avvicinarsi alle due donne, con tanto di provvedimento da parte del giudice, lui non si è arreso.

            Le vittime sono due donne residenti a Frosinone che si sono rivolte alla Polizia dopo le continue minacce da parte dell’uomo ben conosciuto da madre e figlia in quanto si tratta, proprio, dell’ ex compagno della ragazza.

            La storia, secondo il racconto delle due, ha avuto inizio circa un anno fa, quando a seguito di numerosi e violenti litigi, la ragazza ha deciso di lasciare il compagno.

            Da  allora l’ ossessione del giovane cassinate nei confronti della ex non ha avuto tregua, tanto da arrivare a perseguitare e minacciare anche la madre della ragazza con decine e decine di chiamate e messaggi vessatori.

            Al giovane è stato già vietato due mesi fa con un provvedimento di avere ogni tipo di contatto con la ex compagna, nonché il divieto di avvicinamento, ma lui imperterrito,secondo le accuse, ha continuato a minacciare di morte sia la ex compagna che sua madre.

            Le due donne, disperate, si sono rivolte nuovamente alla Polizia di Stato temendo seriamente per la propria vita: l’uomo, pertanto, è stato denunciato per la seconda volta. Il nominativo dello stalker era, tra l’altro, già presente nella checklist come da protocollo  E.V.A.,l’ Esame delle Violenze Agite.

            La procedura consente agli agenti di Polizia, allertati dalle sale operative, di intervenire su casi di violenza domestica in maniera tempestiva e di sapere se ci siano verificati altri  episodi nello stesso ambito familiare.