FROSINONE/LATINA – 17 OTT – Solo il 3,3% degli istituti scolastici in di Frosinone e di Latina sono costruiti con criteri antisismici e cosa ancor più grave è che appena il 60% di questi sono stati oggetto di verifica di vulnerabilità sismica. I dati sono quelli forniti da Legambiente Lazio nel suo rapporto annuale “Ecosistema Scuola”. Frosinone e Latina, in tutta la Regione, sono le uniche realtà a fornire i dati.

            Se nel 2015 gli edifici scolastici che necessitavano di manutenzione urgente a Frosinone e Latina erano il 65%, l’anno scorso la quota è salita in maniera vertiginosa: le scuole a rischio sono l’80%. Di queste solo l’1,1% ha subito interventi di manutenzione straordinaria negli ultimi cinque anni. La contraddizione è che questi edifici scolastici sono tutti mediamente giovani: il 52,8% di essi è costruito dopo il 1974.

            Le indagini diagnostiche sui solai sono state effettuate solo nel 15% dei casi. Sulla messa a norma la situazione non è migliore secondo Legambiente: anche qui solo il 15% delle scuole possiede il certificato di agibilità ed agibilità igienico sanitaria, mentre il 17,6% possiede quello di prevenzione incendi. Va meglio sugli impianti elettrici: tutte le scuole presentano impianti a norma ed il 91,2% ha i requisiti di minimi di accessibilità.

          “I numeri forniscono un quadro allarmante – spiega il presidente di Legambiente Lazio Scacchi, che prosegue – in pochissimi edifici si riescono a svolgere i lavori di manutenzione, se pur ce ne sarebbe bisogno ovunque”. Per Legambiente migliorare le scuole vuol dire migliorare il futuro ed i comuni devono imparare a progettare meglio per accedere ai fondi necessari alla riqualificazione. Ora tocca alle amministrazioni dare risposte ai genitori.