FROSINONE – 07 FEB – Si avvicina il Carnevale e, contestualmente, si intensificano i controlli dei Carabinieri del N.A.S. di Latina a tutela della sicurezza dei consumatori del Basso Lazio. Fari puntanti, visto il periodo, sull’oggettistica e sugli abbigliamenti specifici posti in commercio per i relativi festeggiamenti.

            A Frosinone i militari hanno ispezionato una rivendita di casalinghi, abbigliamento e merci varie di origine cinese: sono state sequestrate oltre 270 confezioni di articoli di carnevale: vestiti, maschere, sciabole, spade, scudi e pistole in plastica, accessori scherzosi di maschere nonché glitter per truccare il viso.

            Secondo le accuse questi prodotti venivano venduti senza etichette o con etichette prive delle indicazioni obbligatorie in lingua italiana relative alla sicurezza ed alle modalità d’uso. La merce sequestrata ha un valore di circa 1500 euro.

Per le violazioni riscontrate dai militati, oltre al titolare dell’attività, verrà multato anche l’importatore in Italia dei prodotti  irregolari rivenduti nel negozio di Frosinone.

            Ricade, infatti, anche sull’importatore l’obbligo di legge di distribuire per il commercio sul mercato italiano, prodotti con le corrette indicazioni in lingua italiana in materia di informazione dei consumatori e rispondenti ai canoni di sicurezza europei.

Altri sequestri sono stati eseguiti anche in alcune attività gestite da cittadini cinesi di Formia e Fondi.