GAETA – 02 MAR – Dopo i Carabinieri, anche il commissariato di Polizia ha portato con successo a termine un’importante e capillare contro i reati predatori. Gli agenti del vice-questore Maurizio Mancini hanno recuperato parte della refurtiva trafugata nottetempo, agli inizi di gennaio, presso una struttura per anziani in fase di realizzazione e di completamento a Itri. Si trattava di 10 televisori di ultima generazione, un note-book ed altri oggetti di arredo che, per un valore di circa 4000 euro, avrebbero dovuto arricchire il mercato della ricettazione del sud-pontino. E così è stato. Gli inquirenti , effettuando una perquisizione presso l’abitazione di un uomo di 52 anni di Gaeta rinvenivano parte del materiale hi-tech rubato a Itri e soprattutto riuscivano a sapere chi l’aveva piazzata, un giovane di 23 anni di Gaeta. Se entrambi sono stati denunciati per ricettazione, le indagini del commissariato di Gaeta proseguono nel frattempo per individuare gli autori materiali del furto.  In un’altra operazione sono stati due giovani campani di 29 e 32 anni per furto: sono stati ritenuti responsabili di un furto in via Lungomare Caboto  degli attrezzi da lavoro all’interno di un furgone di una nota ditta locale. Le indicazioni della vittima permettevano agli inquirenti di individuare i due che, fuggiti in direzione sud, venivano bloccati in località “Canzatora” ai confini del comune di Formia. Per la coppia è scattata la denuncia per furto