ITRI – 13 OTT – “Oggi al top” questo l’ultimo messaggio scritto da Francesco Ranaldi, 28enne di Roccasecca, sulla sua bacheca face book prima di mettersi in sella alla sua moto e partire per una giornata in compagnia degli amici. Sabato sera poi lungo la strada regionale che collega Itri a Ceprano lo schianto, al km 121 e 400. Ad impattare la moto del giovane e una vettura, una bmw, condotta da una 47enne di Formia  che sopraggiungeva dall’altro senso di marcia, a poche centinaia di metri  dal santuario della Madonna della Civita. Francesco è rimasto riverso a terra. Poi il soccorso dei sanitari del 118 ed il trasferimento a Roma, al San Camillo,  con massima urgenza per sottoporsi ad un delicato intervento. Quell’operazione però non è stata eseguita. Il cuore del 28enne si è fermato prima. Francesco Ranaldi viveva a  Caprile e   lavorava in una officina meccanica a Roccasecca.

Nello schianto è rimasto ferito  anche un amico di Francesco, anch’egli in moto, travolto dalla vettura. Per lui le ferite sono state lievi e giudicate guaribili in 5 giorni.

Saranno le indagini degli agenti della polizia locale di Itri intervenuti sul posto a chiarire l’esatta dinamica dell’incidente, costato la vita al ragazzo. Per ora la 47enne formiana alla guida della bmw come da prassi è indagata per omicidio stradale.