ITRI  – 15 MAR – Non ha esitato a lanciare una bomba carta sotto la sua abitazione quando ha scoperto che lei, esasperata dal suo comportamento, aveva deciso di denunciarlo. Una storia di amore malato, l’ennesima, che arriva dal basso Lazio, da Gaeta in particolare. Lo stalker è un uomo di 30 anni, la vittima una giovane della cittadina del Golfo, con cui il 30enne aveva avuto una relazione sentimentale.

            All’uomo, gli agenti del commissariato di Gaeta, hanno notificato un’ordinanza che gli vieta l’avvicinamento e la comunicazione con la ragazza, un provvedimento che se l’uomo violasse gli costerebbe l’arresto immediato. Le indagini dei poliziotti sono scattate subito dopo la denuncia, e gli esperti del commissariato specializzati nei reati di stalking e maltrattamenti, hanno acquisito gli elementi di prova che poi sono stati portati all’autorità giudiziaria.

            Il magistrato della Procura di Cassino ha infatti portato nell’ufficio del Gip un corposo fascicolo in cui erano state raccolte tutte le testimonianze della donna. La vittima infatti ha raccontato che già lo scorso anno aveva subito minacce, percosse, ingiurie e lesioni personali dal 30enne, fino all’episodio dell’esplosione sotto il suo palazzo.

            Una situazione insostenibile che ha portato la giovane a vivere in uno stato di ansie e timori continui e che è sfociato con la scelta della ragazza di abbandonare la propria abitazione e chiedere ospitalità ad un conoscente.